Antiruggine: quale scegliere, a cosa serve e come si usa

7 Dicembre 2021
Antiruggine: quale scegliere, a cosa serve e come si usa

L’antiruggine è un prodotto essenziale da avere sempre in casa, ma di cui molto spesso se ne conosce poco l’utilizzo. Nel nostro articolo andremo a fare un viaggio all’interno del campo di utilizzo di questo prodotto, cercando di capire l’antiruggine a cosa serve nello specifico, come si utilizza una volta che lo abbiamo e, infine, quale sia la tipologia migliore da scegliere.

Come scegliere l’antiruggine? Ecco una guida all’acquisto che potrà esserti d'aiuto sia nella scelta, che a capire come mettere l'antiruggine e molto altro.

A cosa serve l’antiruggine e come si usa

L’antiruggine come si usa? A cosa serve? Come stenderlo? Andiamo a dare una risposta completa ad entrambe le domande:

  • A cosa serve e quando usare antiruggine: come si può capire dal nome stesso, l’antiruggine è un prodotto che, se utilizzato sulle strutture metalliche in ferro e acciaio esposte agli agenti atmosferici, permette di prevenire la formazione di ruggine. Per chi ha strutture di questi materiali, che devono stare sempre, o comunque molto tempo, all’esterno, è un prodotto assolutamente essenziale.
  • Come si usa: dopo che la superficie da trattare è stata perfettamente pulita ed è asciutta, si procede con la mano di antiruggine da spalmare in maniera uniforme su tutta la struttura. Nel caso di sporco difficile da eliminare, si procede con lo sgrassamento della superficie utilizzando un panno imbevuto di acquaragia. L'antiruggine, una volta dato, deve essere completamente asciutto prima di procedere con la verniciatura (sono necessarie almeno 2 mani di vernice).
  • Come stendere l'antiruggine: abbiamo parlato di metterla, ma non di come stenderla. Basterà usare un classico pennello, che deve essere pulito, quindi meglio utilizzarne uno nuovo, da lavare bene dopo l’utilizzo. Per avere dei risultati ottimali, è sempre bene dotarsi di strumenti separati, in modo da utilizzare per lo stesso prodotto sempre lo stesso pennello.

Quale antiruggine scegliere

Molte persone quando si sono recate ad acquistare l’antiruggine, convinte che fosse un prodotto standard, si sono trovate di fronte a varie tipologie. Dunque, quale antiruggine usare? Esistono in commercio anche diversi tipi di vernice antiruggine, come sono? Andiamo a rispondere ad entrambe le domande.

Ci sono almeno tre diverse tipologie di antiruggine che possiamo considerare come le migliori. La prima opzione è quella di utilizzare uno smalto antiruggine. Per poterlo applicare sarà necessario, prima di tutto, trattare la parte da lavorare per portarla al ferro vivo.

L’antiruggine spray è una soluzione ottimale quando la superficie da trattare si presenta irregolare, e quindi difficile da trattare con un pennello, in quanto potrebbero risultare scoperte alcune parti. Anche in questo caso, è essenziale che la superficie da trattare sia pulita e asciutta, in modo poi da applicare l’antiruggine direttamente tramite bomboletta.

Una raccomandazione d’obbligo quando si utilizza questo tipo di prodotto, ovvero che, essendo spray, è necessario indossare guanti, occhiali e mascherina durante l’utilizzo. La sicurezza, anche quando si fanno lavori che possono sembrare semplici, non è mai da tralasciare.

Infine, abbiamo la vernice antiruggine. Si tratta di un prodotto che, in linea di massima, ha le stesse caratteristiche dello smalto. Diciamo che la versione base, quella ovviamente più utilizzata, si presenta in una colorazione grigia, perché di fatto è la base migliore per la successiva verniciatura di finitura.

In commercio, comunque, si trovano anche vernici antiruggine colorate, ma che ovviamente vengono utilizzate quando non si effettua la verniciatura successiva, ma si preferisce lasciare come base complessiva l’effetto colorato della vernice stessa.

A questo punto, non rimane che fare le proprie considerazioni e procedere con l’acquisto di quello che fa al caso tuo; nel nostro store online potrai trovare un'ampia gamma di antiruggine a prezzi davvero vantaggiosi, adatti ad ogni tua esigenza.

Vai all'articolo precedente:Come verniciare il parquet: tecniche, strumenti e consigli pratici
Vai all'articolo successivo:Smalto per ferro: quale scegliere e come usarlo
Commenti:
0
Commenta
  • * Nome
  • * E-mail
  • * Commento
Questo sito è protetto da Google reCAPTCHA, Privacy Policy e Terms of Service di Google.
Torna su